L’oscuro oggetto del desiderio…il Reggicalze

reggicalze-paul-poiret-venette-wasteIl reggicalze è un indumento intimo femminile formato da una cintura (o una fascia), che cinge la vita e si appoggia ai fianchi, e da generalmente quattro nastri elastici con gancetti a cui si fissano le calze. In certi casi le guaine contenitive oppure i corsetti modellanti hanno dei nastri e gancetti che li fanno diventare collateralmente anche dei reggicalze.
La leggenda ne attribuisce la paternità a Gustave Eiffel. Ma è nel 1876 il merciaio Fereol Dedieu ne ideò un prototipo per ragioni medico-sanitarie, visto che le giarrettiere causavano problemi di circolazione sanguigna ad alcune donne. Il prototipo fu inizialmente giudicato inestetico e poco seducente. Quando la moda impose il corsetto dotato di laccetti per sostenere le calze, furono le inglesi ad adottarlo per prime a partire dal 1893.

angeloazzurro

Intorno al 1910, il sarto Paul Poiret creò il reggicalze così come lo conosciamo oggi, in concomitanza alla decadenza del busto e a favore di un intimo più leggero. La locandina del film L’angelo azzurro, in cui si vede Marlene Dietrich indossare un reggicalze in una sublime posa provocante, contribuì a lanciare questo indumento intimo.
guepiereLa Seconda Guerra Mondiale e la conseguente ristrettezza economica posero un freno alla sua diffusione. Dopo la guerra, dagli Stati Uniti iniziarono ad arrivare le calze in nylon. Marcel Rochas creò la guepière. La moda stava cambiando e il reggicalze prendeva una cattiva reputazione, diventando un segno di riconoscimento delle prostitute. Durante gli anni Sessanta la minigonna era più pratica indossata con i collant, meno visibili.

La lunga crisi del reggicalze durò fino agli anni Settanta, durante i quali la stilista Chantal Thomas, tra gli altri, reintrodusse la biancheria sexy e sofisticata per le donne eleganti; il reggicalze conservava comunque un’aura peccaminosa. Gli anni Ottanta furono quelli della ripresa del reggicalze. Come a suo tempo L’angelo azzurro, alcuni film furono decisivi a rendere popolare questo accessorio. Si possono citare Luna di fiele in cui Emmanuelle Seigner appare in tacchi a spillo, calze e reggicalze sotto l’impermeabile, o anche Tacchi a spillo in cui gli uomini che si travestono da donne iniziano sempre indossando un reggicalze.

reggicalze cervin

Madame G. 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *