Calze a compressione graduata, come funzionano.

Tempo fa ho trattato l’argomento delle calze a compressione graduata, spiegando cosa sono e quali e perché usarle. Vediamo in questo post quali sono gli effetti che provocano sulle gambe e come usarle al meglio.Le calze a compressione graduata rappresentano la terapia meno invasiva per la salute di gambe e microcircolo. Ma sembra strano che delle semplici calze possano ridurre il rischio di cellulite e vene varicose. In commercio possiamo trovare diversi brand che offrono questo tipo di prodotto, calze riposanti che aiutano e alleviano le gambe o sostengono la circolazione sono abbastanza diffuse. Ogni marca ha il suo modello. Poi ci sono quelle più specifiche e più terapeutiche e medicali, che potete trovare in farmacia.

Ma come si fa a capire se il prodotto è veramente efficace? Per rispondere a questa domanda bisogna capire il loro meccanismo d’azione e l’effetto sul sistema circolatorio. E’ davvero un problema di vene varicose, di cellulite o di gonfiore? Magari il problema, come indica la medicina, potrebbe essere alla base il cuore con un pompaggio più lento o minore.

52804598_MAGIC_COLLANTPer garantire un buon funzionamento e una buona ossigenazione ai vari distretti corporei, il cuore funge come una vera e propria pompa. Quando si contrae, la sua spinta fa sì che il sangue arrivi anche nelle zone più lontane, come gli altri inferiori. Il sangue poi ritorna al cuore grazie alle vene che permettono al sangue di risalire, carico di scorie, per poi ripulirsi attraverso i polmoni. Il problema principale è la forza di gravità, il sangue tende a «precipitare» verso il basso. Le vene, che però possiedono delle complesse valvole che evitano al sangue di ricadere verso il basso durante l’invio verso il cuore. Questo movimento di risalita è facilitato dall’azione dei muscoli. Questi, durante la contrazione, comprimono le vene aiutandole nel loro lavoro di spinta verso il cuore. Va detto, però che a causa della vita sedentaria, i muscoli sono quasi sempre rilassati e possono verificarsi problemi di pompaggio e risalita del sangue verso il cuore. In questi casi le gambe possono gonfiarsi, si ha la sensazione di gambe pesanti o, peggio, le classiche vene varicose.

 

Vediamo in questa situazione che aiuto possono dare le calze a compressione graduata.

Questi collant, se ben fatti, comprimono in maniera più elevata la caviglia, un po’ meno a livello del polpaccio e con una leggerissima pressione sulle cosce. La compressione dei tessuti sostituendo in minima parte la mancata contrazione dei muscoli, permette di aiutare le vene nel far fluire il sangue verso l’alto.

Secondo alcuni studi, i collant possono essere utili anche nelle persone che hanno già problemi cardiocircolatori o alti fattori di rischio come l’utilizzo di pillola anticoncezionale, obesità o il diabete. Le calze a compressione graduata sono a tutti gli effetti un presidio medico, di conseguenza devono necessariamente rispondere a precise caratteristiche in fatto di materiali e individuazione del grado di compressione. L’utilizzo frequente riduce anche la comparsa della cellulite. Logicamente da sole non bastano e non risolvono i nostri problemi, per ottenere il massimo dei benefici e un sistema cardiocircolatorio in salute è bene fare movimento, camminare molto, fare sport. Sono di notevole aiuto anche le docce calde e fredde agli arti inferiori che «allenano» le nostre vene attraverso l’alternarsi di vasodilatazione e vasocostrizione.

Leggi anche:  SALUTE DELLE GAMBE: LE CALZE A COMPRESSIONE GRADUATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *