La capsule di Pierre Mantoux per i suoi 85 anni

In occasione della settimana della moda di Milano, Pierre Mantoux  festeggia il suo 85mo compleanno confermando ancora una volta la sua vocazione alla creatività e alla ricerca che ne hanno fatto un brand di successo nel mondo.  Un importante anniversario che sarà celebrato con una capsule speciale all’insegna del lusso firmata da un giovane designer del segmento jewelry, Gerlando Dispenza, e che sarà possibile vedere in anteprima nelle vetrine della boutique della maison in via Solferino 12 a Milano.

pm

Dall’incontro tra luxury lingerie e gioielleria italiana nascono speciali pezzi – body, socks, guepière e gambali – realizzati con filati pregiati che intrecciano cristalli neri e sono interamente ricamati a mano. Un tributo alla couture del più autentico Made in Italy, dove la decorazione è portata all’estremo fino a far diventare ogni capo un pezzo di alta gioielleria, prezioso e personalizzato all’insegna di un made to measure che premia la vestibilità perfetta e che diventa unico e acquistabile su ordinazione.

pm2

Un modo inedito che sottolinea, ancora una volta, la visione avantgarde di Pierre Mantoux che ha voluto mixare il suo know how con un new talent del panorama fashion italiano e dare l’avvio a uno special project che lo vedrà sempre più protagonista della giovane creatività italianacapsule gerlando dispenza (2)

Abbiamo pensato che il modo migliore per celebrare i nostri primi 85 anni fosse puntare sul talento di un giovane capace di unire la sua expertise al carattere di Pierre Mantoux in un progetto che esaltasse i comuni valori di italianità, sperimentazione, innovazione e stile” ha dichiarato Patrizia Giangrossi “Questo è il primo capitolo di una storia che vogliamo scrivere con le nuove generazioni di fashion designer per valorizzarne la creatività nel comune solco del savoir faire Made in Italy”.
capsule gerlando dispenza3
Gerlando Dispenza è stato scelto proprio per il suo background in cui si fondono capacità, passione e creatività applicati non solo alla couture e allo spettacolo – nel curriculum vanta collaborazioni importanti con Il Piccolo Teatro di Milano e con alcune celebri maison di moda – ma anche e soprattutto al mondo del gioiello e degli accessori, con una linea che porta il suo nome. Gioielli caratterizzati da uno sperimentalismo contemporaneo unico, che li hanno fatti amare da molti volti dello spettacolo – Raffaella Carrà e Marianne Mirage in primis – e che mantengono il savoir faire stilistico e manifatturiero della grande tradizione italiana.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *